Scopri la fauna delle riserve

Scopri la flora delle riserve

Scopri la flora e la fauna delle riserve

 


Copyright
I contenuti di questo sito sono soggetti a copyright.
Leggi le note legali

Cerca tra le riserve

Product 2 of 9Primo   Precedente   1  [2]  3  4  5  6  7  8  9  Successivo   Ultimo   
Torna alle schede
Biscia dal collare
Nome Scientifico Natrix natrix (Linnaeus, 1758)
Famiglia Colubridae
Ordine Squamata Sottordine: Serpentes
Riserve Piano della Corte
Biscia dal collare

Identificazione:

Il capo è ovoidale, ben distinto dal tronco, di regola con una squama preoculare; le squame dorsali sono nettamente carenate a differenza di quelle degli altri Colubridi siciliani. La colorazione di fondo del dorso è grigio-olivastra, ma è piuttosto variabile, potendo assumere varie tonalità, fino al bruno-nerastro, talora con due strie longitudinali dorsali chiare. L’ornamentazione è costituita da due macchie o barre disposte trasversalmente lungo tutto il dorso; sul capo sono presenti due macchie semilunari nere, talora fuse medialmente, che delimitano posteriormente due macchie bianco-giallastre, non sempre evidenti negli esemplari adulti, formando così il caratteristico collare. Le parti inferiori sono biancastre con macchie nere che tendono a espandersi a tutto il ventre procedendo in senso caudale. La lunghezza totale massima è di 110 cm nei maschi e può raggiungere i 200 cm nelle femmine molto vecchie.

Cosa mangia:

E’ molto agile in acqua, ove caccia Anfibi, loro larve e Pesci; di rado preda anche piccoli Mammiferi ed Uccelli. Sono piuttosto frequenti i casi di predazione di grosse femmine di Rospo comune (Bufo bufo), lunghe anche 20 cm.

Habitat:

Zone umide di ogni tipo, anche molto antropizzate.

Distribuzione:

Europa, Africa nord-occidentale, Asia Minore e Asia occidentale e centrale, fino al lago Baikal.

Nota:

Ha abitudini diurne, Quando viene disturbata si difende con emissioni cloacali fetide, sibili, appiattimento del capo che così appare più grande e di forma subtriangolare; può simulare attacchi e nei casi estremi può fingersi morta, cosa resa più verosimile dall’autoemorrea, determinata dalla rottura di piccoli capillari della mucosa boccale. Gli accoppiamenti hanno luogo tra aprile e maggio, seguiti dalla deposizione delle uova; più femmine possono condividere il sito di ovodeposizione. I neonati vengono alla luce in settembre e misurano 12-22 cm.
Recensioni

Non sono attualmente presenti recensioni. Clicca sul bottone sopra per aggiungere un commento.
Product 2 of 9Primo   Precedente   1  [2]  3  4  5  6  7  8  9  Successivo   Ultimo   
dummy