Scopri la fauna delle riserve

Scopri la flora delle riserve

Scopri la flora e la fauna delle riserve

 


Copyright
I contenuti di questo sito sono soggetti a copyright.
Leggi le note legali

Cerca tra le riserve

Product 4 of 9Primo   Precedente   1  2  3  [4]  5  6  7  8  9  Successivo   Ultimo   
Torna alle schede
Geco comune
Nome Scientifico Tarentola mauritanica (Linnaeus, 1758)
Famiglia Gekkonidae
Ordine Squamata Sottordine: Sauria
Riserve Piano della Corte
Geco comune

Identificazione:

La lunghezza totale può facilmente superare i 15 cm, soprattutto negli esemplari maschi adulti, sensibilmente più grandi delle femmine. Presenta corpo e testa appiattiti, ricoperti da escrescenze tubercolari. Le zampe possiedono ampie lamelle adesive continue che si estendono su tutta la superficie delle dita, più larghi nella parte distale. Le unghie sono presenti solo sul terzo e quarto dito delle zampe. Il colore è variabile, anche in base allo stato fisiologico dell’animale, ma di solito è brunastro o grigio brunastro, con bande scure più sviluppate sulla coda. La coda rigenerata ha un colore uniforme e manca dei tubercoli.

Cosa mangia:

Si nutre durante la notte ed è molto facile osservarla in prossimità di luci artificiali mentre caccia Insetti, o altri Artropodi, attratti dalla fonte luminosa.

Habitat:

La specie predilige gli ambienti xerici, soprattutto quelli lungo la costa. Abita frequentemente i muri a secco, le rovine, le cataste di legna, le abitazioni.

Distribuzione:

Europa sud-occidentale (verso oriente fino alle isole ioniche, alle zone continentali adiacenti e all’Isola di Creta), nelle Isole Canarie e nell’Africa settentrionale.

Nota:

Durante il periodo primaverile è attiva durante il mattino, per crogiolarsi al sole. Depone 2-3 uova di forma subsferica (spesso concresciute), una o più volte all’anno, all’interno di piccole cavità, ad es. all’interno di muri a secco. Si arrampica con grande abilità anche su superfici molto levigate ed in forte pendenza o addirittura aggettanti (ad es. sui soffitti). Durante la progressione il corpo dell’animale viene tenuto aderente alla superficie e le zampe lontane dai fianchi. Le dita possono essere curvate per proteggere i cuscinetti adesivi quando non sono in uso. Come altri Sauri è capace di spezzare la coda se afferrata da un potenziale predatore (autotomia) per sfuggire.
Recensioni

Non sono attualmente presenti recensioni. Clicca sul bottone sopra per aggiungere un commento.
Product 4 of 9Primo   Precedente   1  2  3  [4]  5  6  7  8  9  Successivo   Ultimo   
dummy